Archivio

Cultura e turismo

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Archivio | · 2018 · Cultura e turismo

Un incontro sulle strategie turistiche, l'accordo tra Modena e Bologna

Amministratori e operatori del settore a confronto sul futuro della nuova "Destinazione turistica" che vede la collaborazione tra Modena e Bologna.

«Siamo pronti a mettere in campo progetti comuni tra Modena e Bologna senza sovrapposizioni per valorizzare al meglio le tante eccellenze che ci caratterizzano su food, motori e neve». Lo ha affermato Matteo Lepore, presidente della "Destinazione turistica" della Città metropolitana di Bologna, intervenendo di recente alla Consulta provinciale del turismo di Modena che si è svolta nella sede della Provincia.

Hanno partecipato Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia di Modena, Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo, Emanuele Burioni, direttore di Apt servizi, rappresentanti delle associazioni di categoria, operatori del settore turistico e  amministratori locali.

Obiettivo dell'incontro avviare un confronto sulle strategie comuni della "Destinazione turistica" di Bologna città metropolitana, alla quale partecipa anche la Provincia di Modena con una convenzione sulla promozione comune dei prodotti legati a motori, enogastronomia, sport invernali e grandi eventi.

Nel suo intervento Lepore ha sottolineato che Bologna «crede fortemente nella collaborazione con Modena e siamo pronti a mettere in campo una comunicazione unica e materiale promozionale comune oltre a organizzare eventi pubblici per condividere questo  rapporto che sono sicuro offrirà ottimi risultati».

Nel corso dell'incontro  è emerso che per le attività della Destinazione sono disponibili, nel 2018, risorse pari a oltre un milione di euro messe a disposizione dalla Regione, a cui si aggiungono 162 mila euro per il Piano turistico di promozione locale della Provincia di Modena e 400 mila per l'analogo Piano della Città metropolitana di Bologna.

La Regione, infatti, ha assegnato per il 2018 alle Destinazioni cinque milioni di euro per i programmi di promo-commercializzazione, più tre milioni per i Piani turistici di promozione locale (Ptpl); di queste risorse il 71 per cento vanno alla Destinazione turistica Romagna, 19 per cento alla Destinazione turistica Bologna con Modena, il 10 per cento alla Destinazione Emilia.

Nel suo intervento l'assessore regionale Corsini ha evidenziato il ruolo di traino di Bologna grazie all'aeroporto e all'alta velocità, «quindi Modena ha fatto bene a puntare su un rapporto solido con Bologna, si tratta di una scelta lungimirante con Modena e Bologna che stanno crescendo in termini turistici più di altre zone regionali.  Ora però Modena dovrà dotarsi di un proprio strumento organizzativo, come Bologna ha da tempo, nel quale la componente privata dovrà assumere un ruolo fondamentale».

Anche per Muzzarelli «Modena deve ora costruire una organizzazione turistica per collaborare con efficacia con Bologna, valorizzando le eccellenze comuni e l'internazionalizzazione che deve essere guidata da Apt servizi, senza sovrapposizioni. Abbiamo condiviso questa sfida con tutti i soggetti che punta ad garantire un maggiore un respiro anche sui mercati esteri delle diverse eccellenze comuni».

Nel corso della discussione tutti i componenti della Consulta hanno espresso un giudizio positivo sulla scelta di collaborare tra Bologna e Modena, tra questi Franco Bontempi di Confcommercio che ha sollecitato il sostegno alla  riqualificazione delle strutture ricettive, Marco Poletti di Cna, Gabriella Gibertini delle Terme della Salvarola, in rappresentanza anche della Camera di commercio di Modena, il sindaco di Maranello Massimiliano Morini e di Spilamberto Umberto Costantini, Stefania Grenzi dell'Unione del Sorbara e Andrea Lombardi dell'Unione del distretto ceramico..

Rudi Accorsi, infine, in rappresentanza dell'Unione dei Comuni dell'area nord, ha sottolineato la necessità di valorizzare il turismo legato alle ciclovie.

Le "Destinazioni turistiche", previste dalla legge regionale 4 del 2016 sono nuovi organismi di gestione delle attività di promozione e marketing territoriale; fanno riferimento a tre ambiti territoriali, costituiti dalle province della Romagna e Ferrara; dalle province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza e dalla Città Metropolitana di Bologna in collaborazione con Modena.

Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: martedý 8 maggio 2018
data di modifica: martedý 8 maggio 2018